Nel suo ultimo report, la ong Pan Europe ha mappato le deroghe di emergenza che gli stati membri hanno dato a pesticidi vietati in Europa a causa della loro tossicità. In generale, la ong ha individuato 236 deroghe per neonicotinoidi e altre sostanze 

 I pesticidi vietati dall’Ue a causa della loro tossicità possono ancora entrare nella filiera alimentare, e quindi nel nostro cibo “grazie” alle deroghe di emergenza che gli stati membri concedono troppo generosamente Una deroga dovrebbe essere un’eccezione, da utilizzare solo in occasioni speciali in circostanze impreviste. La realtà è ben diversa. Questo diffuso abuso rende la legislazione dell’UE sui pesticidi come un setaccio che perde

Tuttavia, è possibile un approccio diverso. Bulgaria, Lussemburgo e Malta non hanno autorizzato alcuna deroga per queste sostanze molto tossiche mentre l’Italia non ha resistito e ne ha concesse 14, 11 delle quali ad un pesticida famoso per essere un interferente endocrino. Si tratta del 1,3-Dichloropropene, terzo in classifica per numero di deroghe in Europa: questo fumigante del suolo altamente tossico non è mai stato approvato nell’Ue eppure viene costantemente usato perchè considerato il più efficace per il controllo dei nematodi del suolo. I pesticidi neonicotinoidi rappresentano quasi la metà delle deroghe concesse. Di loro sappiamo che rappresentano un rischio elevato per le api e altri insetti utili 

La legge dell’UE afferma che i metodi non chimici dovrebbero venire prima dell’uso di pesticidi sintetici. Le deroghe possono essere concesse solo eccezionalmente in situazioni di emergenza dopo che è stato precedentemente dimostrato che la lotta integrata ai parassiti, il biocontrollo e i pesticidi meno tossici non possono svolgere il lavoro Questo rapporto rivela l’ipocrisia degli Stati membri che accettano di vietare i pesticidi a livello dell’Ue, ma poi concedono deroghe ed espongono la loro popolazione e l’ambiente a sostanze chimiche altamente tossiche

daSalvagente 1-23

Written by Franco Rigosi