Cresce sempre più il numero di coppie che nascono online sulle app di incontri: usarle per cercare una nuova relazione o l’avventura di una notte fa parte ormai della normalità, soprattutto per chi ha meno di 35 anni. Tinder, Badoo, Meetic, Grindr o Facebook Dating sono solo alcune delle piattaforme create per cercare persone da incontrare e sono sempre più diffuse. Tinder dichiara 9 milioni di utenti italiani,Meetic sostiene di aver fatto nascere un milione di coppie in Italia .

La pandemia ha aumentato la propensione degli utenti a cercare occasioni di incontro digitali

Tutte le app di dating funzionano in modo simile: si crea un profilo con foto e informazioni che aiutino l’algoritmo a proporre gli incontri giusti; si specifica il tipo di persona che si cerca e per quale tipo di relazione; la app mostra altri profili “compatibili” e quando il gradimento è reciproco scatta la possibilità di entrare in contatto attraverso una chat di messaggistica privata. Da lì, se è il caso, si va avanti, trasferendo la conversazione su altri social o in videochiamata prima di incontrarsi di persona. Le funzioni base sono gratuite ma si può pagare per aumentare le opzioni di contatto o rendere più visibile il proprio profilo, tendenza in forte aumento.

Tutte le app permettono di indicare il proprio orientamento sessuale

Grindr è costruita espressamente per persone gay, bi, trans e queer. Le lamentele più frequenti di chi le usa riguardano la necessità di pagare, la presenza di profili fake (falsi), e, da parte delle utenti donne, il gran numero di richieste da filtrare; c’è poi il possibile imbarazzo di incontrare persone che si conoscono già, spesso ovviabile scegliendo le opzioni a pagamento. Per migliorare l’esperienza del dating al femminile, nel 2014 una delle cofondatrici di Tinder ha creato Bumble, dove il primo passo spetta alle donne e gli utenti uomini possono mettere il like solo in risposta

Bumble ha poi esteso il suo ambito d’azione anche oltre gli appuntamenti romantici, e la si può usare anche per cercare amici o contatti di lavoro.

Per approfondire : Sul sito di Agenda Digitale, un articolo sulle app di incontri “specializzate”, ad esempio : over 50, genitori single, vegetariani, runner, gamer, c’è un Cupido per tutti: https://bit.ly/3u3EkZe

di Alessandra Farabegoli giugno 2022 – cooperazionetraconsumatori

Written by Franco Rigosi